Modele Ochelari Ray Ban 2015

Nel frattempo non trascura il cinema, anche se con esiti inferiori rispetto al passato (Nella terra di nessuno di Gianfranco Giagni). Nel 2002, sotto la direzione di Spiro Scimone e Francesco Sframeli, personalità provenienti dal teatro, recita in Due amici, un film su due siciliani emigrati al nord che si regge sulle regole irrealistiche del teatro dell’assurdo. Dopodiché entra a far parte del cast de L’ora di religione (2002) con Sergio Castellitto nei panni di un ateo convinto alle prese con la santificazione della madre.La camorra e la politica al grande schermoNel 2003 il ruolo di Gennaro Strummolo, abitante de La Repubblica di San Gennaro nella Padania leghista di un futuro immaginario, lo rende un simpatico attaccabrighe che tenta in tutti i modi di farsi accettare dalla comunità di razzisti settentrionali.

Nel 1964 viene ammesso al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove si diploma con il saggio “Uno, due e tre” e, mentre è ancora studente, gira il suo primo servizio per la rubrica “Cordialmente” della Rai, che andò in onda fra aprile e maggio del 1966. Dopo il diploma resta al Centro Sperimentale per altri due anni, insegnando regia, almeno fino al 1968, lavorando continuamente con la Rai, per la quale continuerà a firmare la regia di programmi culturali, documentari e inchieste televisive, fra le quali Da una guerra all’altra (1967 77), Niente da vedere, niente da nascondere (1978) e L’Italia del boom (1979), ottenendo graditi riconoscimenti.I primi filmDopo essere stato l’assistente regista di Roberto Rossellini per Intervista a Salvador Allende La forza e la ragione (1971), comincia a pensare di poter girare un lungometraggio, e scrive e dirige L’invenzione di Morel (1974), fantasy con Giulio Brogi, Fiorella Infascelli e Roberto Herlitzka, tratto dall’omonimo racconto di Adolfo Bioy Casares; storia del naufragio in un’isola apparentemente deserta di un ricercato. A questo, seguirà nel 1982, Ehrengard tratto, invece, dal romanzo omonimo di Isak Dinesen (ovvero la Karen Blixen de La mia Africa) che però non fu distribuito in Italia perché acquistato dalla Gaumont Italia, che fallì poco dopo.

Cerca un cinemaUn film di Walt Disney, ma fatto con persone vere e non cartoni animati. Ecco una possibile descrizione della pellicola di Spielberg ispirata a Peter Pan. Il regista ha sempre cercato di diventare il nuovo Disney ma, ad esempio, coi cartoni animati come Fievel non è riuscito nell’intento.

Il tema dell’amore è al centro di quasi tutte le opere liriche, dagli amori senili (“Il barbiere di Siviglia”) agli amori sbagliati (“La Traviata”), fino agli amori ai quali non si può resistere (“Così fan tutte”). Una declinazione dell’amore che si trova spesso nelle opere è quella del “furto d’amore”, che possiamo trovare anche in una musica contemporanea che nasce nel ricordo della grande lirica per svilupparsi poi su ritmi africani. Composta da Natasha De Monaco, “Rombières” è disponibile su Youtube dallo scorso 8 giugno, e il 6 luglio sarà presentata a a Parigi in una serata tutta dedicata a questo brano.

Lascia un commento