Ray Ban Wayfarer Clear Lenses

Una voce, un volto e delle movenze che non usciranno mai dalla testa dello spettatore. Irresistibile, mai sottovalutata, una vera pietra rara da incastonare nella memoria collettiva e che tutti, nel nostro piccolo, vorremo possedere.Cinque statuette. Sono tanti i premi vinti a fine serata da Modern Family, mockumentary che ruota intorno alle dinamiche di una famiglia allargata del ventunesimo secolo.

I went to grad school and it was there that I met Meghan and told her about the film and told her that I’d really like to work with her on it. We were really drawn to this group in particular because they had so many vets in their ranks. It’s not typical necessarily of a Vietnam reenactment group to have so many recent vets and active military people.

Sydney Wells è una concertista suonatrice di violino famosa a Los Angeles. Intelligente, molto dotata, e fortemente indipendente; è cieca, il risultato di una tragedia occorsale durante l’infanzia. Quando la storia comincia, Sydney si sta per sottoporre ad un doppio trapianto di cornea che le ridarà la vista dopo più di due decenni di cecità..

Proprio oggi, quando questa serie televisiva taglia il traguardo dei cento episodi trasmessi (qui in Italia), il suo protagonista Hugh Laurie taglia quello dei cinquanta anni, festeggiando con una gran bella firma su un contratto che lo legherà al suo storico personaggio fino al 2012 per la modica cifra di 400.000 dollari ad episodio. Le cifre di un trionfo autentico.Il primo a non credere a cotanto successo fu lo stesso attore inglese che per tutto il primo anno di riprese, restò in albergo anziché cercare casa, convinto del flop di una serie, e soprattutto di un personaggio, “che potrebbe scioccare e disgustare tutti”. I maligni dicono che il Laurie uomo abbia poca autostima e non sia convinto delle sue capacità artistiche per la mancanza di approvazione da parte della madre (morta tragicamente quando l’attore aveva 29 anni), con la quale ha sempre avuto un rapporto complesso.

Storia di noir e di bowling come filosofia di vita, di Drugo Lebowski, interpretato da un magnifico Jeff Bridges, che diventa un’icona per tutti quelli che credono ancora nella resistenza all’idiozia del Sistema. Poi, dopo questo capolavoro, firma la sceneggiatura de Lo spezzaossa (1998), passando alla pubblicazione di una collezione di racconti dal titolo “Gates of Eden”.Con Fratello, dove sei? (2000), liberamente tratto dall’Odissea di Omero, Ethan riceve una candidatura all’Oscar e ai BAFTA per la miglior sceneggiatura non originale, così come similmente accadrà per L’uomo che non c’era (2001). forse il momento di una pausa? Decidono di collaborare con altri registi, fra cui Jean Luc Godard, nella pellicola collettiva, Paris, je t’aime (2006), rifacendo la stessa esperienza con il documentario mosaico A ciascuno il suo cinema (2007), emergendo nel gotha del cinema mondiale: David Cronenberg, Jane Campion, Michael Cimino, Lars von Trier, Wim Wenders, Manoel de Oliveira, Takeshi Kitano, Nanni Moretti, Zhang Yimou, Roman Polanski, Théo Angelopulos e Wong Kar wai.Gli ultimi anniRuggiranno ancora con un altro capolavoro: Non è un paese per vecchi (2007) thriller di qualità e profondamente morale con Tommy Lee Jones, Javier Bardem, Josh Brolin e Woody Harrelson, rinnovandosi per creatività e armonia e vincendo meritatamente il Golden Globe per la migliore sceneggiatura e il BAFTA per la miglior regia, ma promettendo di tornare a temi più leggeri con Burn After Reading (2008) con Brad Pitt e John Malkovich.I fratelli Coen continuano a cavalcare l’onda del successo con A serious man (2009), commedia con Michael Stuhlbarg, Richard Kind, Fred Melamed e Sari Lennick.Nello stesso anno dirigono anche il western Il Grinta.

Lascia un commento